festival
L’Associazione di Promozione Culturale NAUFRAGI propone PORTE APERTE come momento per ri-mettere al centro i margini. Dormitori, residenze per immigrati, strutture per l’accoglienza madre... Da anni a Bologna il terzo settore e il volontariato in particolare s’interrogano su come progettare politiche per l’accoglienza insieme e oltre il pubblico, andando a scavare là dove gli attori pubblici e privati non possono o non...

 

Avviso

8 marzo 2011 - La guerra delle donne

 guerraL’essenza dell’Africa è al femminile: donne forti, coraggiose, in grado, pur tra le insidie più devastanti, di dimostrare la capacità di vivere, non solo quella di sopravvivere. Donne che sanno mostrare la dignità e la fierezza del loro popolo, delle loro culture, senza tentennamenti, senza inibizioni, con coerenza ma, al contempo, volte verso il futuro.

 

Come racconta l’autore del video Paolo Mongiorgi: “In Africa ho visto la forza delle donne. Mi sono reso conto del fatto che un uomo non possiede quelle capacità di affrontare, ascoltare, supportare e sopportare, tollerare e comprendere, tanto da sacrificarsi per la propria Comunità di appartenenza. In Africa ho ascoltato le loro storie, racconti di stupri e di violenze. In Africa ho provato vergogna nell’essere un uomo. Questo video nasce dal profondo rispetto che percepisco e che vorrei esprimere nei confronti di tutte quelle donne che ogni giorno riescono, con la loro forza, a promuovere la Pace nel mondo“.www.mediconadir.it | www.noppaw.org

icoscaricaScarica il comunicato stampa | Scarica la locandina

 

La proiezione del video “La guerra delle donne” si inserisce nell’ambito dell’iniziativa “8 marzo: donne africane in prima pagina”, con cui la Campagna Noppaw si appella direttori dei quotidiani, dei telegiornali e dei radiogiornali nazionali e locali affinché l’8 marzo dedichino le prime pagine delle testate o le aperture dei telegiornali e radiogiornali alle donne africane.

La Campagna Noppaw è sostenuta dal ministero degli Affari Esteri italiano e dal ministro Frattini, insieme a centinaia di personalità del mondo istituzionale italiano ed internazionale, della cultura, dello spettacolo e di ogni espressione della società. Nei prossimi mesi saranno promosse iniziative con le donne in varie regioni del Senegal, del Mali, del Burkina e di altri paesi africani. È inoltre già prevista la presentazione ufficiale al Parlamento Europeo a Bruxelles il 23 maggio e alla Farnesina il 25 maggio, con moltissimi eventi per tutto l’anno. Il Noppaw continua poi a portare avanti il suo impegno per la raccolta delle firme di adesione all’appello (è possibile aderire su www.noppaw.org).